Bluè JAZZ Night • 17 Aprile • Start 21.30

TINO TRACANNA “TRE”

TINO TRACANNA: sassofoni
GIULIO CORINI: contrabbasso
VITTORIO MARINONI: batteria

TINO TRACANNA

 

 

Tre è il numero magico della comunicazione musicale. Il dialogo tra i musicisti è continuo e diretto. Il suono è puro ed essenziale.
E’ possibile passare da una semplice melodia alla più complessa ricerca di nuove sonorità mentre i ruoli degli strumenti si alternano senza preclusioni di sorta.
E’ anche la ricerca di una possibile semplicità comunicativa attraverso l’elaborazione di materiali ricondotti alla loro essenzialità melodica.

Si suona vicini e si cerca ciò che più sta nel profondo.

Il trio propone un repertorio basato su composizioni originali e su rielaborazioni di brani di diversa provenienza.

 GIULIO CORINI

Nasce a Brescia nel 1979 e inizia a studiare basso elettrico a 14 anni sotto la guida di Franco Testa. Nel 1998 inizia a frequentare il C.P.M. di Milano diplomandosi nel 2001 con il massimo dei voti e lode sotto la guida di Dino D’Autorio e Attilio Zanchi.
Nel 2000 frequenta i seminari estivi tenuti dal Berklee College of Music a Umbria Jazz. Dal 2001 inizia lo studio del contrabbasso, sempre con Franco Testa, perfezionandosi poi con Furio Di Castri e Piero Leveratto in occasione dei seminari estivi di Siena Jazz 2003 e 2004, manifestazione nella quale ha ottenuto una borsa di studio per spiccate doti artistiche.
Dal 2001 al 2003 frequenta con Oscar Grazioli e Emanuele Maniscalco il corso biennale per Alta Qualificazione per Trio tenuto da Stefano Battaglia, Paolino Dalla Porta e Fabrizio Sferra sempre presso la Fondazione Siena Jazz.
Dal 2003 partecipa ai Laboratori di Ricerca Musicale diretti da Stefano Battaglia, con il quale collabora professionalmente nel quartetto “Out-Vestigation”.
Nell’estate 2004 frequenta, durante i seminari estivi di Siena Jazz, la classe di musica d’insieme tenuta da Enrico Rava il quale, poco dopo, lo chiama a far parte del quintetto “Rava Under 21”.
Nello Stesso periodo si perfeziona in contrabbasso e improvvisazione con Giovanni Maier.
Dal 2005 dirige Libero Motu (Francesco Bigoni, Dan Kinzelman – sax tenore/clarinetto, Maurizio Rinaldi – chitarra elettrica, Giulio Corini – contrabbasso, Nelide Bandello, Fabrizio Saiu – batteria/percussioni), pubblicando per El Gallo Rojo Records “Libero Motu” (2007) e “Off-Site Meetings” (2009)
Nel 2009, vince la borsa di studio per rappresentare la Fondazione Siena Jazz e l’Italia al 20° meeting internazionale della I.A.S.J. (International Association of Schools of Jazz) presso The Hague/l’Aia (Olanda). Ha suonato con: Enrico Rava, Stefano Battaglia, Sandro Gibellini, Jim Snidero, Giovanni Maier, Bebo Ferra, Achille Succi, Francesco Bearzatti, Kitty Margolis, Massimo Colombo, Felice Clemente, Alan Farrinton, Simone Guiducci, Claudio Filippini, Giovanni Guidi, Andrea Ayassot

Vittorio Marinoni

Batterista attivo soprattutto nell’area jazzistica italiana. Tra le varie collaborazioni spicca quella,ormai ventennale, con l’ottetto di G. Trovesi con il quale, oltre ad aver preso parte a concerti in tutti i più importanti festival europei, ha realizzato tre dischi ( l’ultimo per l’ECM ) tutti vincitoridel premio come miglior disco dell’ anno proposto dalla rivista MUSICA JAZZ, e ottenuto ottimiriconoscimenti dalla rivista musicale americana “Down Beat “. Attivo nell’ambito orchestrale,

Ha collaborato con l’orchestra ritmica della RAI, Orchestra I POMERIGGI di MILANO dir. G. Gaslini, WDR BIG BAND di COLONIA ospite M. Stockhausen, Orchestra ENEA SALMEGGIA dir, B. Tommaso e S; Montanari, Orchestra PROXIMA CENTAURI dir. G. Gaslini. Ha inoltre collaborato e realizzato produzioni discografiche con diversti musicisti tra i quali : E. Rava ,P. Fresu, S: Bollani, B. Mintzer, F: Ambrosetti, Jerry Bergonzi, T, Tracanna G: Falzone A. Faraò etc.

 

Direzione artistica della rassegna –  Felice Clemente

Mostra fotografica “JAZZ Vibrations” – Maurizio Anderlini

 

 

 

Annunci

Bluè JAZZ Night • 10 Aprile • Start 21.30

CARLETTI – CHIRIACO – BELLOTTI TRIO

MAX CARLETTI, chitarra
ROBERTO CHIRIACO, contrabbasso, basso el.
EDOARDO BELLOTTI, batteria

 

COLLAGEJAZZ2

Il trio propone un repertorio di ricerca coinvolgente e ricco di contaminazioni: dalla classica al jazz, dal blues al funk, dalla musica latina alla musica mediterranea.

Con questa formula gli standard jazz, le “canzoni” , vengono rivisitate e proposte in ogni concerto in un mood diverso e coinvolgente ; l’interplay fra i tre musicisti e la ricerca timbrica incuriosiscono lo spettatore e lo accompagnano in un viaggio ricco di emozioni e di sentimento. Grande energia scaturisce dalla loro musica

 

Direzione artistica della rassegna –  Felice Clemente

Mostra fotografica “JAZZ Vibrations” – Maurizio Anderlini

 

 

 

 

 

Bluè JAZZ Night • 3 Aprile • Start 21.30

FERDINANDO FARAO’ QUARTET

FERDINANDO FARAO’: drums
ROBERTO MATTEI: double bass
MARCO BRIOSCHI: trumpet
FELICE CLEMENTE: tenor and soprano sax

 

ferdinando faraò_

 

Il 4tto di Ferdinando Faraò eseguirà un repertorio interamente dedicato ai batteristi-compositori. I brani scelti fanno riferimento al periodo che va dagli anni ’60 ai giorni nostri. “Pee Wee” di Tony Williams, “Blue” di Jack De Johnette, “Mode for Versace” di Daniel Humair, “Junior” di Joey Baron, “Satch and Diz” di John Riley, per citarne solo alcuni, verranno eseguiti da questo nuovo e straordinario quartetto che debutterà il prossimo 3 aprile al Bluè Jazz Club.

 

Direzione artistica della rassegna –  Felice Clemente

Mostra fotografica “JAZZ Vibrations” – Maurizio Anderlini

 

Bluè JAZZ Night • 27 Marzo • Start 21.30

ROBERTO TAUFIC & LUIGI TESSAROLLO DUO

LUIGI TESSAROLLO: chitarra classica
ROBERTO TAUFIC: chitarra classica

duo

Roberto Taufic e Luigi Tessarollo presentano in concerto il loro ultimo lavoro discografico “Painting with strings”, con connotazioni latino-mediterranee e jazz e l’esecuzione di brani originali per due chitarre e arrangiamenti di melodie di noti compositori. Il duo StringsGame è un progetto realizzato a 4 mani sfociato nel 2006 nella pubblicazione del primo omonimo CD e in un successivo DVD live con il concerto alle Olimpiadi invernali di Torino in rappresentanza del Jazz Italiano.

Questo abbinamento permette di ascoltare in veste nuova e originale i due artisti, che si presentano con un repertorio che fonde e integra le loro diverse connotazioni stilistiche, maturate in esperienze artistiche differenti ma affini. Il loro interesse reciproco per la melodia mediterranea, la musica brasiliana, la musica jazz, ha permesso questo eccezionale connubio e la realizzazione di un repertorio in cui la scelta e l’esecuzione dei brani fa emergere le diverse personalità espressive, sia improvvisative che compositive e di arrangiamento. La sonorità del duo è basata sui contrasti degli strumenti impiegati, con l’abbinamento di sonorità sia acustiche che elettriche.

Il duo Taufic-Tessarollo, è stato invitato a numerose esibizioni in rassegne e festival chitarristici specializzati, in rassegne e festival jazz e in contesti classici, tra gli altri: I Festival di Chitarra acustica e folk in Friuli, IV Festival Brasiliano di Bologna, rassegna internazionale di Lerici “Chitarre nel Golfo dei Poeti”, Acoustic Guitar 9th International Meeting 2006 di Sarzana, al X Festival chitarristico della Valle Ossola, Sant’Elpidio Jazz Festival, Rivarolo Guitar Jazz Festival, Un Paese a Sei Corde, Rassegna internazionale del Folk Club di Torino, Trieste Loves Jazz, Serravalle Summer Jazz Night…

 

Direzione artistica della rassegna –  Felice Clemente

Mostra fotografica “JAZZ Vibrations” – Maurizio Anderlini

Bluè JAZZ Night • 20 Marzo • Start at 21.30

STEFANO BAGNOLI TRIO

FRANCESCO PATTI: alto sax
GIANLUCA DI IENNO: hammond
STEFANO BAGNOLI: drums

 

STEFANO BAGNOLI

Parallelamente all’originale WE KIDS TRIO di Bagnoli, nasce questa nuova “compagnia” che mantiene il line up della piccola formazione, questa volta senza contrabbasso.
Il trio propone in chiave moderna parte del repertorio tradizionale che fa capo a Louis Armstrong e Benny Goodman, brani che hanno fatto la storia del Jazz mondiale, riproposti qui in maniera poco ortodossa essendo essi abitualmente considerati l’essenza stilistica delle band dixieland e new orleans.
Un esperimento stilistico non del tutto azzardato considerando che esso è un repertorio di primaria importanza sia dal punto di vista melodico che armonico e che stimola a creare interessanti commistioni tra il classico e il moderno.
Gianluca Di Ienno, pianista ormai affermato nel panorama nazionale, Francesco Patti astro nascente del sax alto e Stefano Bagnoli che con la sua trentennale esperienza sul campo convoglia nel trio un molteplice bagaglio stilistico, sempre pronto a mettersi in gioco per sperimentare nuove idee musicali con le nuove generazioni.

Direzione artistica della rassegna –  Felice Clemente

Mostra fotografica “JAZZ Vibrations” – Maurizio Anderlini

Bluè JAZZ Night • 13 MARZO • Start at 21.30

GIORGIA BAROSSO QUARTET

GIORGIA BAROSSO: Voce
MARIO ZARA: Piano, Rhodes
YURI GOLOUBEV: Double bass
MARTINO MALACRIDA: Drums

 

giorgia barosso

Il progetto nasce dalla collaborazione con il pianista Mario Zara, e propone un repertorio composto da brani inediti e standard jazz riarrangiati con sonorità moderne, pur mantenendo una forte matrice jazz.
La formazione dell’album è composta da musicisti affermati sul panorama del jazz
italiano da molti anni: Giorgia Barosso alla voce, Fabrizio Bosso alla tromba, Riccardo
Bianchi alle chitarre, Mario Zara al pianoforte & Rhodes, Marco Antonio Ricci al
contrabbasso e Michele Salgarello alla batteria.
Nell’album ritroviamo alcuni standard jazz riarrangiati da Mario Zara con differenti
colorazioni: una versione funk e per certi versi quasi gospel di “Love For Sale”, un
arrangiamento molto delicato, quasi a ricordare una ninna nanna, di “But not for Me”,
un “Time After Time” molto ritmico e accattivante, un elegante “Oh Lady Be Good” e un
moderno e graffiante “Come Rain or Come Shine”.
I testi dei brani inediti sono stati scritti da Giorgia Barosso mentre la parte musicale è
nata dalla collaborazione di Giorgia Barosso e Mario Zara ad eccezione di “I”, scritto da
Mario Zara, che può essere inteso come il brano più strumentale dell’album. Fra gli
inediti ritroviamo l’atmosfera noir di “Stories Yet To Tell”, la colorazione eterea e mistica
di “Crystal Glow” e la delicata energia di “Shadow of Sound”.
Ognuno di noi ha delle storie ancora da raccontare…ed è bello poterlo fare con la
musica.

Direzione artistica della rassegna –  Felice Clemente

Mostra fotografica “JAZZ Vibrations” – Maurizio Anderlini

Per saperne di più visita la nostra pagina Facebook

Bluè JAZZ Night • 6 MARZO • Start at 21.30

GIULIO VISIBELLI TRIO

GIULIO VISIBELLI: flute and saxophones
DARIO FAIELLA: guitar, 
SANDRO MASSAZZA: double bass

 

GIULIO VISIBELLI

Il Trio presenterà un escursus sui lavori pubblicati nella mia 25ennale carriera.
Selezionando i brani più rappresentativi dei CD usciti a mio nome più alcune importanti collaborazioni in cui la mia partecipazione artistica è stata significativa, presenterò il mio variopinto percorso musicale accompagnato da due musicisti eclettici e di grande spessore!

Direzione artistica della rassegna –  Felice Clemente

Mostra fotografica “JAZZ Vibrations” – Maurizio Anderlini

Per saperne di più visita la nostra pagina Facebook